Ritenzione idrica e medicina integrata

A cura di: Dott. Natour - Dott.sa Saettone

 

In Italia circa il 30% delal popolazione femminile è interessata da problemi di ritenzione idrica. A volte le cause possono essere patologiche, come disfunzioni cardiache o renali o forme allergiche.

Più spesso, invece, sono da attribuire a uno stile di vita e soprattutto alimentare sbagliato. 

Quando l’organismo tende a trattenere i liquidi, questi si accumulano maggiormente nelle zone già predisposte all’accumulo di grassi come le cosce, i glutei e l’addome, dove si forma poi la cellulite.

Alcune abitudini poco salutari favoriscono la ritenzione dei liquidi, ad esempio il fumo, l’assunzione di grandi quantità di sale (la dose normale per l’organismo è di 5 grammi al giorno, che è più o meno la quantità contenuta in due etti di pane), il sovrappeso, l’abuso di alcol e farmaci, gli abiti troppo stretti e lo stare a lungo in piedi senza muoversi.

Scarica l'articolo completo

AllegatoDimensione
PDF icon Amalnews_ ritenzione idrica.pdf299.02 KB